Super ammortamento 140 per cento: la guida completa

super ammortamento 140

Super ammortamento 140 per cento  come funziona e a chi spetta. Info e dettagli sul super ammortamento auto e sui beni acquistati in leasing

La Legge di Stabilità 2016, tra le tante agevolazioni, ha introdotto anche il cosiddetto super ammortamento 140 per cento, un beneficio fiscale nato per favorire ed incentivare gli investimenti delle imprese. Scopriamo nel dettaglio come funziona il super ammortamento 140 per cento e su quali acquisti può essere applicato.

Super ammortamento 140 per cento: cos’è

Il super ammortamento 140 per cento è un incentivo fiscale riservato alle imprese che acquistano determinate tipologie di beni. Le aziende (compresi titolari di reddito d’impresa ed esercenti arti professioni) che effettuano investimenti per l’acquisto di beni strumentali nuovi possono ammortizzare i costi correlati fino al 140%. In pratica con il super ammortamento 140 per cento gli importi versati per l’acquisizione dei beni vengono maggiorati del 40% generando un beneficio fiscale non indifferente!

Super ammortamento 140 per cento: come funziona

In base al coefficiente d’ammortamento del bene acquistato (che varia a seconda della categoria a cui appartiene) i costi sostenuti, compresi gli incrementi ottenuti tramite il maxi ammortamento, vengono ripartiti in quote costanti.
È importante precisare che il “valore aggiunto” tramite il super ammortamento non risulta utile ai fini civilistici ma è rilevato solo per ottenere sconti fiscali su IRPEF e IRES. Proprio per questo motivo la maggiorazione deve essere specificata nel modello Unico notificandola come variazione in diminuzione.

Super ammortamento 140: a chi spetta

Il super ammortamento 140 non può essere ottenuto da tutti. Solo determinate categorie di contribuenti possono accedere al beneficio.
In linea generale possono accedere al maxi ammortamento:
• I soggetti che esercitano attività d’impresa (anche in forma collettiva).
• I soggetti che producono reddito derivante dal lavoro autonomo.
Nel dettaglio ecco chi può accedere e chi non può accedere al super ammortamento 2016.

Possono fruire del super ammortamento 140 per cento:
– I titolari di reddito d’impresa, di qualsiasi natura giuridica, comprese le imprese italiane ubicate all’estero ma con base organizzativa in territorio italiano, di tutti i settori e di qualsiasi dimensione.
– I lavoratori autonomi (anche associati).
– Persone fisiche impegnate in attività imprenditoriale, artistica, o in professioni che applicano un regime di vantaggio o dei minimi (escluso il regime forfetario).

Super ammortamento 140: a chi non spetta

Non possono accedere al super ammortamento 140:
– Coloro che applicano un regime di tassazione forfetario (sia imprenditori che lavoratori autonomi).
– Le imprese marittime che applicano il regime “tonnage tax (un particolare regime di tassazione forfetario).

Super ammortamenti leasing

Il super ammortamento 140 per cento si può applicare anche per i beni concessi in leasing.
La deduzione dei canoni di locazione finanziaria è prevista “per un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento corrispondente al coefficiente stabilito” (Circolare n.26/E dell’Agenzia delle Entrate).
Anche in questo caso l’incremento del costo del bene(40%) deve essere indicato come variazione in diminuzione nel modello Unico.

Super ammortamento 140 per cento: scadenza

Fino a quando è possibile accedere al super ammortamento 140%?
In base a quanto stabilito dalla Legge di Stabilità 2016 è possibile sfruttare il maxi ammortamento per i beni strumentali che sono stati acquistati nell’arco di tempo che va dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016.
Tuttavia è possibile sfruttare il super ammortamento anche per gli acquisti effettuati prima del 15 ottobre, ma consegnati o spediti dopo la data di riferimento.

Super ammortamento 140: per quali acquisti

Il super ammortamento 140 per cento può essere applicato per l’acquisto di beni materiali e strumentali, dunque beni strettamente correlati al “core business aziendale” ovvero all’attività principale dell’impresa. Inoltre la legge stabilisce che solo gli acquisti dei beni che rientrano in categorie per le quali è prevista un’aliquota di ammortamento pari o superiore al 6,5% possono accedere al beneficio fiscale.

Super ammortamento beni usati

Il super ammortamento 140 riguarda solo beni materiali nuovi, mai usati. Non è possibile acquistare beni di seconda mano e beneficiare dell’agevolazione fiscale.

Super ammortamento auto

È possibile beneficiare del super ammortamento anche per l’acquisto di auto o veicoli da utilizzare nell’ambito imprenditoriale.
Occorre però fare alcune precisazioni sul super ammortamento 140 autovetture.

Maxi ammortamento auto esclusivamente strumentali

Il super ammortamento per l’ acquisto di veicoli esclusivamente strumentali (deducibili al 100%) e dei veicoli assegnati in uso promiscuo per la maggiora parte del periodo d’imposta (deducibili al 70%) prevede un incremento dei costi sostenuti pari al 40% (cosi come avviene per il resto dei beni strumentali).

Super ammortamento auto non esclusivamente strumentali

Per quanto riguarda i veicoli il cui utilizzo non è esclusivamente strumentale il discorso è differente. In questo caso infatti il beneficio non è applicato direttamente sui canoni o sulla quota di ammortamento, ma sul limite massimo detraibile degli automezzi.
– Da 18.076 euro a 25.306 euro per o veicoli ad uso promiscuo non assegnati ai dipendenti per la maggior parte del periodo
– Da 25.823 euro a 36.152 euro per i mezzi destinati ad agenti e rappresentanti di commercio).

Super ammortamento 140 esempio

Supponiamo che l’azienda acquisti un’auto da destinare all’uso promiscuo (non assegnata ai dipendenti per la maggior parte del periodo d’imposta) spendendo euro 30.000 con un coefficiente di ammortamento del 25%.
Come anticipato, in assenza del super ammortamento il limite fiscale massimo per calcolare la quota annua deducibile era di 18.075,99 euro. Dato che il costo dell’auto (30.000 euro) risultava superiore alle soglie fiscali stabilite, l’ammortamento doveva essere calcolato in questo modo:
(18.075,99 x 25/100)= 4.519
Sulla cifra cosi ottenuta doveva essere applicata la quota di deducibilità pari al 20%
4.519*20/100= 903,80 euro.
Con il super ammortamento il valore del veicolo viene incrementato del 40%:
30.000 + (30.000 x 40/100) = 42.000 euro.
Tale cifra è superiore al limite massimo consentito (25.306,39 euro).
Grazie alla maggiorazione del 40% del costo massimo fiscalmente riconosciuto (40% di 18.075,99)l’importo della maggiorazione è pari a 361,52 euro poiché:
7.230,40 x 25% x 20% = 361,51

Maxi ammortamento auto in leasing

Grazie al super ammortamento auto leasing i veicoli deducibili integralmente e quelli concessi in benefit ai dipendenti possono fruire (oltre che di una maggiorazione del 40%) di una velocizzazione del recupero dell’agevolazione fiscale nella metà del periodo di ammortamento (24 mesi).

Super ammortamento 140: beni esclusi

Spese non ammortizzabili al 140 per cento

Non possono essere considerati beni strumentali (dunque non rientrano tra le spese ammortizzabili al 140%):
• Terreni.
• Fabbricati.
• Acquisti caratterizzati da un coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5% annuo.
• Beni immateriali (brevetti, licenze etc.).
• Veicoli utilizzati a scopo aziendale e privato (concessi per uso promiscuo).
• Aerei, condutture, materiale rotabile, ferroviario, tramviario (allegato 3 della Legge di Stabilità).

Potrebbero interessarti anche:
Bonus commercianti 2016
Modello 73, cosa portare in detrazione

Se questo articolo sul Super ammortamento 140 per cento: la guida completa ti è stato utile puoi seguire i nostri aggiornamenti su agevolazioni e bonus, cliccando “mi piace” alla pagina facebook di Giacinto.org, siamo dalla parte del cittadino, sempre!

I commenti sono chiusi.