Mi amo o mi odio: le relazioni spiegate dalla legge dello specchio

mi-amo

Nella vita non si può andare d’accordo con tutti. Vi sono persone con le quali vi è una certa intesa, un certo feeling ed altre con le quali proprio non si riesce instaurare una relazione positiva. In realtà, anche se crediamo di conoscere i motivi che ci spingono ad avere a che fare o meno con determinate persone, esistono cause più introspettive che spesso non ci si aspetta. Stiamo parlando della cosiddetta legge dello specchio.

Legge dello specchio: la felicità dipende da te

In base alla legge dello specchio ognuno di noi vive nel suo mondo. Ciò non significa che esistono mondi paralleli, universi fantascientifici o cose del genere, la spiegazione è molto più semplice e razionale. Ognuno infatti ha a che fare con specifici mondi, ha modo di confrontarsi con determinate realtà che rappresentano un riflesso del proprio essere, del proprio mondo interiore. Vincoli e opportunità che vengono dall’esterno rappresenterebbero in realtà occasioni o ostacoli riflessi, che dunque provengono dalla mondo interiore di ognuno.
Detto ciò vien da pensare: “Allora se tutto ciò che vivo non è altro che una proiezione, un riflesso di ciò che sono e che vorrei, perché non riesco a realizzarmi? A soddisfare i miei bisogni?” Il problema è che non sempre ciò che desideriamo è realmente un nostro bisogno. Crediamo di aver bisogno di qualcosa della quale in realtà, non necessitiamo assolutamente. Detto in parole povere: non sappiamo ciò che vogliamo.

Perché non so cosa voglio? Il valore dell’infanzia

Non sappiamo ciò che vogliamo a causa di tutta una serie di condizionamenti sociali che, fin dalla tenera età, modificano ciò che siamo, ci allontanano da noi stessi, modificano nel profondo la nostra personalità e di conseguenza i nostri bisogni.
Convenzioni sociali, obblighi, aspettative dei genitori, della scuola e cosi via, condizionano profondamente ciò che siamo. Per questo è importante avere grande rispetto per la personalità dei bambini, poiché alla lunga potremmo opprimere ciò che sono rendendoli inconsapevoli di ciò che desiderano anche da adulti. Far crescere i bambini in un ambiente protetto ma libero interiormente è fondamentale cosi come è fondamentale aiutarli a sviluppare il senso di autostima. A riguardo ti consigliamo di leggere l’articolo di approfondimento di Giacinto.org Autostima infantile: Come insegnare ai bambini a credere in sé stessi.

Ti amo o ti odio: le relazioni spiegate dalla legge dello specchio

Secondo la legge dello specchio il mondo esterno non è altro che la riproduzione di ciò che siamo interiormente, un riflesso di ciò che siamo. La stessa cosa accade nel momento in cui conosciamo qualcuno.
In base a come percepiamo una persona (in maniera positiva o negativa) proiettiamo in essa la percezione di noi stessi. Se abbiamo a che fare con qualcuno con cui andiamo d’accordo tenderemo a proiettare in quella persona la parte più positiva del nostro io; viceversa mettiamo in relazione i lati negativi della nostra personalità con persone che ci suscitano antipatia e tossicità.
“Quando odiamo qualcuno, odiamo nella sua immagine qualcosa che è dentro di noi” Hermann Hesse

Come migliorare le relazioni sociali sfruttando i principi della legge dello specchio

Come già accennato, per quanto possa apparire strano spesso il problema alla base è che non sappiamo ciò che vogliamo davvero. Crediamo di conoscere i nostri bisogni e desideri ma in realtà non è così. Per risolvere il problema è importante riprendere coscienza del nostro mondo interno. Dobbiamo riscoprire il nostro vero io, comprendere che il mondo esterno non è altro che un riflesso di ciò che siamo diventati. Dobbiamo indagare nel profondo del nostro cuore, solo allora potremmo migliorare il nostro rapporto con gli altri.

Leggi anche l’articolo di Giacinto.org Come imparare ad essere felici con la legge dello specchio

Se questo articolo ti è stato utile puoi seguire i nostri aggiornamenti su agevolazioni e bonus, cliccando “mi piace” alla pagina facebook di Giacinto.org, siamo dalla parte del cittadino, sempre!

I commenti sono chiusi.