Come richiedere il certificato ISEE

Come richiedere certificato isee

Come richiedere il certificato ISEE. Info su cos’è l’ISEE e a cosa serve, l ‘iter da seguire per richiederlo, calcolo ISEE e novità legate al nuovo ISEE 2016

Cos’è l’ ISEE

Il modello ISEE 2016 è l’indicatore della situazione economica equivalente, uno strumento economico-fiscale attraverso il quale è possibile certificare la situazione economica di un nucleo familiare, indispensabile per accedere a prestazioni  di natura sociale e sanitaria. La peculiarità dell’ ISEE risiede proprio nel fatto che l’indicatore non si riferisce esclusivamente al reddito annuo di una famiglia, ma è calcolato tenendo conto anche di altri elementi, come il numeri di soggetti che compongono il nucleo familiare.
(Se per esempio due famiglie hanno le stesse entrate, ma il numero di componenti familiari è differente, sarà diverso anche il valore dell’ISEE).

Calcolo ISEE

Nel dettaglio, per determinare il valore dell’ISEE, vengono presi in considerazione una serie di elementi di seguito indicati.
Reddito
• I redditi dichiarati ai fini Irpef di tutti i soggetti che fanno parte del nucleo familiare
• Altri eventuali redditti.

Patrimonio mobiliare
• Conti correnti e depositi (sia bancari che postali).
• Buoni fruttiferi, titoli di Stato, certificati di deposito e credito ed assimilati.
• Quote e/o azioni di Oicr (Organismi investimento collettivo di risparmio) nazionali o internazionali.
• Beni o liquidità gestite da società fiduciarie.
• Imprese individuali.
• Polizze assicurative sulla vita e di capitalizzazione.

Patrimonio immobiliare
• Edifici o terreni edificabili o agricoli, intestati a persone fisiche (considerando l’eventuale utilizzo come prima casa e debiti residui per mutui).

Nucleo familiare
• numero persone facenti parte del nucleo familiare.
• Persone fiscalmente a carico.
• Figli minori con un solo genitore.
• Figli minori con entrambi i genitori lavoratori.
• Soggetti portatori di handicap permanente o status d’invalidità superiore al 66%.

A cosa serve ISEE

L’ ISEE serve a certificare il reddito effettivo di un nucleo familiare. Proprio per questo richiedere il certificato ISEE è fondamentale per accedere a tantissime agevolazioni e prestazioni socio-sanitarie.
Il certificato ISEE è indispensabile per ottenere incentivi come:
Bonus bebè 2016
Esenzione ticket 2016
Esenzione canone rai per anziani
Case popolari (Leggi anche Requisiti per ottenere una casa popolare)
Social card 2016
Bonus famiglie 2016
Assegni familiari 2016
Assegno terzo figlio 2016
Assegno nucleo familiare 2016
Assegni familiari per i coltivatori diretti
Social card disoccupati 2016
Bonus famiglie numerose 2016
Bonus acqua 2016

Come richiedere il certificato ISEE

Come si richiede l’ISEE

Non è possibile ottenere il certificato ISEE senza la cosiddetta Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU). La DSU è un’autocertificazione contenente tutte le informazioni necessarie per il calcolo dell’ISEE. Per redigere la Dichiarazione Sostituiva Unica è necessario reperire i moduli presso un Caf (o altro ente autorizzato) al Comune o presso gli uffici territoriali dell’INPS.

Dove si richiede l’ISEE

Per poter richiedere il calcolo dell’ISEE la DSU deve essere presentata all’INPS. È possibile presentare la DSU tramite:
• Comune.
• Caf (o altri Enti autorizzati).
• Consegnandola direttamente agli uffici INPS .
• Sfruttando i canali telematici dell’Istituto di Previdenza Sociale (www.inps.it) nella sezione “Servizi Online” alla voce “Servizi per il cittadino” . Una volta che il modulo DSU è stato presentato all’INPS questa potrà procedere con il calcolo dell’ISEE. Il certificato ISEE sarà consegnata entro 10 giorni lavorativi

Come richiedere il certificato ISEE 2016: documenti da presentare

Diversi sono i documenti da presentare per ottenere il nuovo ISEE 2016.
Tra i più importanti ricordiamo:
– Valido documento d’identità del richiedente;
– Codice fiscale di tutti i soggetti che rientrano nel nucleo familiare;
– Contratto di locazione (per i soggetti residenti in un immobile in affitto).
– Documenti attestanti il reddito dell’anno economico precedente, come:
– Modello 730, CUD, modello Unico,
– Certificazione per prestazioni occasionali,
– Certificazione redditi esenti da imposta,
– Certificazione trattamenti previdenziali e/ assistenziali erogati dalla Pubblica Amministrazione non soggetti a IRPEF,
– Assegno di mantenimento per coniuge e figli;
– Certificazione dei redditi proveniente da attività lavorative svolte all’estero.
–Documentazione riguardante il patrimonio mobiliare e immobiliare, come:
– Giacenza media annua per depositi;
– Titoli azionari;
– Buoni fruttiferi e obbligazioni;
– Conti correnti bancari (e/o postali);
– Atti notarili;
– Valori immobili (riferiti a proprietà ubicate in Italia e all’estero);
– Eventuali atti di donazione/successione immobili;
– Certificato di proprietà di veicoli (imbarcazioni, moto, automobili) + targa per veicoli con cilindrata superiore a 500cc.
–Documenti attestanti l’effettivo riconoscimento dell’ handicap (nel caso di soggetti disabili nel nucleo familiare)
–Documenti e informazioni riguardanti lo status di studente universitario ( ovviamente di un soggetto che fa parte del nucleo familiare) come: denominazione dell’Istituto Universitario e del corso di studi al quale è iscritto e numero di matricola.

Novità: nuovi modelli ISEE 2016

A partire da gennaio 2015 sono stati introdotti nuovi modelli ISEE per la redazione della dichiarazione dei redditi.
La vera novità risiede nella correlazione tra modello ISEE e prestazioni sociali e sanitarie. In pratica in base alle prestazioni delle quali intende beneficiare, il contribuente dovrà richiedere il certificato ISEE utilizzando uno specifico modello.

Mini ISEE 2016
Anche detto modello ISEE ordinario, il mini ISEE è utilizzabile per la maggior parte delle agevolazioni. Tuttavia, per la richiesta di prestazioni specifiche, il modello ordinario dovrà essere accompagnato da moduli ISEE specifici.
ISEE corrente: da utilizzare se il reddito ha subito oscillazioni del 25% rispetto alla dichiarazione precedente.
ISEE genitori non conviventi e non coniugati: da utilizzare per richiedere agevolazioni (scolastiche o universitarie) per i figli di genitori non sposati ne conviventi.
ISEE sociosanitario: per richiedere prestazioni sociosanitarie
ISEE sociosanitario residenziale: per le prestazioni sociosanitarie residenziali
ISEE università: destinato agli studenti universitari per beneficiare di agevolazioni ed incentivi (rette, borse di studio etc.)

Per ulteriori info sul nuovo Nuovo ISEE 2016 vi rimandiamo all’articolo dedicato di Giacinto.org.

Se questo articolo su Come richiedere il certificato ISEE ti è stato utile puoi seguire i nostri aggiornamenti su agevolazioni e bonus, cliccando “mi piace” alla pagina facebook di Giacinto.org, siamo dalla parte del cittadino, sempre!

I commenti sono chiusi.