Come ottenere un prestito d’onore

Come ottenere un prestito d'onore

Come ottenere un prestito d’onore: cos’è e come funziona questo tipo di finanziamento agevolato. Nuovi prestiti per studenti e terremotati. Info sul prestito d’onore invitalia e unicredit.

In questo articolo vi parleremo del prestito d’onore, cos’è e come funziona questa tipologia di finanziamento agevolato. In particolar modo ci soffermeremo sui prestiti d’onore dedicati agli studenti universitari e agli allevatori che svolgono la propria attività presso i territori colpiti dal terremoto. Continuate a leggere e scoprirete come ottenere un prestito d’onore!

Prestito d’onore cos’è

Il prestito d’onore fa parte della categoria dei cosiddetti prestiti personali. È una particolare forma di finanziamento agevolato concessa a favore di specifiche categorie di cittadini che non possiedono i requisiti per poter richiedere un normale prestito. Generalmente chi ottiene un prestito d’onore, ha diritto ad una parte di contributo a fondo perduto ed un’altra a tasso agevolato.

Prestito d’onore: come funziona

Un prestito d’onore funziona in maniera del tutto differente rispetto ai normali prestiti personali. Differenti sono sia le modalità d’ accesso che quelle di rimborso.
Normalmente infatti, quando si ottiene un finanziamento, il richiedente deve iniziare a rimborsare l’ente creditore a partire dal mese successivo (o comunque dopo poco tempo). Il prestito d’onore è concesso ai cittadini che non possono fornire le garanzie normalmente richieste per ottenere un normale finanziamento (busta paga, fideiussore etc.).

Prestito d’onore: vantaggi

Grazie al prestito d’onore infatti il richiedente ottiene vantaggi davvero consistenti, per esempio riguardanti le modalità di rimborso. Una delle caratteristiche principali di questa particolare forma di finanziamento è che il rimborso è posticipato. Con il prestito d’onore infatti il debitore non è tenuto a rimborsare la banca immediatamente. Egli, per un determinato periodo di tempo, può dedicarsi tranquillamente alla propria attività (imprenditoriale o relativa ad un percorso di studi universitario). La restituzione del denaro avverrà in un secondo momento. Quando si stipula il contratto, banca e cliente concordano un lasso di tempo entro il quale iniziare a rimborsare il prestito d’onore.

Prestito onore Invitalia

Il prestito d’onore Invitalia era un particolare tipo di prestito che nasceva per incentivare l’imprenditoria. In Italia, forme di credito simili sono apparse per la prima volta  nel 1996. La loto funzione come accennato, era quella di favorire lo sviluppo di progetti imprenditoriali giovanili nel sud del Paese. Negli anni successivi la possibilità di beneficiare di questo tipo di finanziamento è stata estesa anche per le aree del nord del Paese.

Invitalia prestito d’onore 2016: che fine hanno fatto i fondi?

Oggigiorno a disciplinare il funzionamento dei prestiti d’onore è il Decreto legislativo n. 185 del 2000. L’Invitalia, ovvero l’agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, era responsabile dell’attuazione della legge. Purtroppo però a causa dell’incredibile quantità di richieste pervenute, i fondi stanziati sono finiti in pochissimo tempo. “Per esaurimento delle risorse finanziarie dal 9 agosto 2015 non è possibile presentare nuove domande di ammissione alle agevolazioni per l’Autoimpiego”. Questo è ciò che dichiara l’Invitalia nella sezione dedicata al prestito d’onore. Purtroppo anche in presenza dei requisiti per ottenere il finanziamento agevolato, non è più possibile beneficiare del prestito d’onore dedicato all’imprenditoria.

Prestito d’onore terremoto: un aiuto per gli allevatori

A causa delle recenti scosse sismiche che hanno messo in ginocchio l’Italia centrale, l’ANBI ha messo a disposizione 1 milione di euro per i prestiti d’onore destinati agli allevatori. L’ANBI è un’associazione nazionale che si occupa della tutela dei Consorzi di bonifica, di irrigazione e di miglioramento fondiario. Con l’assemblea del Consorzio di bonifica Marche è stato istituito il fondo da utilizzare per la concessione di prestiti d’onore. Tale fondo è destinato agli allevatori di bestiame che operano nei territori colpiti dal terremoto.

Prestito d’onore per allevatori terremotati, a cosa serve?

Il prestito d’onore per gli allevatori potrà essere richiesto per la realizzazione di piattaforme da utilizzare per tenere al sicuro gli animali. Dei veri e propri “moduli stalla” in grado di mantenere al sicuro gli animali in caso di altre eventuali scosse di terremoto.

Terremoto: come ottenere il prestito d’onore per allevatori

Gli allevatori che vogliono ottenere il prestito potranno presentare richiesta direttamente all’ ANBI. Alla richiesta va allegato, il progetto dell’intervento. Ogni allevatore dovrà impegnarsi a restituire le somme anticipate secondo le modalità che verranno specificate dall’ente. Per ulteriori info vi consigliamo di consultare le news che verranno riportate nei prossimi giorni sul sito web dell’ ANBI.

Prestito d’onore per studenti

Anche se in Italia vige un sistema universitario pubblico ciò non vuol dire che non vi siano dei costi da sostenere, anzi! Anche nel nostro Paese infatti vi sono studenti che di fatto non hanno la disponibilità economica per poter tener testa alle spese universitarie. Per gli studenti iscritti a corsi di laurea (triennale, magistrale, corsi post-laurea, dottorati di ricerca etc.) gli istituti bancari mettono a disposizione dei veri e propri prestiti d’onore. L’ obiettivo è proprio quello di aiutare i giovani nel sostenere tutte le spese universitarie (costi d’iscrizione, l’acquisto dei testi, spese per recarsi presso le sedi universitarie, vitto e alloggio etc.).

Quasi tutte le banche che mettono a dispoizione prestiti d’onore per studenti, attingono al cosiddetto Fondo per il credito ai giovani.
Il Fondo per il credito ai giovani che è stato istituito dalla Presidenza del Consiglio e dal Dipartimento della Gioventù. Questi si rivolge agli studenti meritevoli, che senza fornire garanzie (come busta paga o la firma di un fideiussore) possono accedere ad un prestito d’onore.

Prestito onore studenti: requisiti

Ovviamente per poter beneficiare del prestito d’onore gli studenti devono avere determinati requisiti. Scopriamoli nel dettaglio.

  • Avere trai 18 ed i 40 anni d’età.
  • Aver conseguito il diploma di scuola superiore con un voto di almeno 75/100.
  • Aver conseguito una laurea triennale con votazione minima pari a 100/110(per gli studenti regolarmente iscritti a un corso di laurea magistrale, a ciclo unico, master di I o II livello, scuole di specializzazione).
  • Essere iscritti ad un dottorato di ricerca all’estero di almeno 3 anni.
  • Essere iscritto ad un corso di lingue di almeno 6 mesi riconosciuto da un ente certificatore.

Attenzione: oltre all’età gli altri requisiti non vanno considerati in senso cumulativo, sono alternativi gli uni agli altri.

Prestito d’onore per studenti: come funziona e quanto spetta

I prestiti d’onore concessi agli studenti non possono superare i 5.000 euro all’anno. Il finanziamenti sono cumulabili tra loro fino al raggiungimento del limite massimo pari a 25.000 euro. Le condizioni del finanziamento sono stabilite dalle Banche accreditate, (rispettando comunque le modalità previste dal Dipartimento della Gioventù).

Come ottenere un prestito d’onore per studenti

Per ottenere un prestito d’onore per studenti occorre presentare l’apposito modulo di domanda scaricabile dal sito diamogliunfuturo.it del Dipartimento della gioventù. La richiesta va presentata presso una delle banche accreditate.

Prestito d’onore per studenti: documenti da presentare

Alla domanda vanno allegati documenti attestanti le effettive condizioni che permettono di accedere al prestito d’onore. Per esempio valido documento d’identità e ricevute che dimostrino la regolarità nei pagamenti ai percorsi di studio.

Prestito onore Unicredit

Molto interessante, trai prestiti d’onore per studenti è il prestito ad honorem messo a disposizione dalla banca Unicredit. Il prestito è riservato agli studenti iscritti agli atenei convenzionati. L’ importo del finanziamento può arrivare fino a un massimo di 27.700 euro.
Una volta concluso il percorso di studi, lo studente può:

  • Iniziare a rimborsare il prestito dopo un “periodo di grazia” senza interessi, che può durare al massimo per due anni.
  • Rimborsare la banca dopo un periodo che va da 1 a 15 anni.

Per conoscere gli atenei convenzionati con Unicredit vi basterà consultare l’area dedicata del sito Unicredit.it.

Leggi anche gli articoli dedicati a:
Prestito chirografario
Documenti necessari per la richiesta del mutuo

Se questo articolo Come ottenere un prestito d’onore ti è stato utile puoi seguire i nostri aggiornamenti su agevolazioni e bonus, cliccando “mi piace” alla pagina facebook di Giacinto.org, siamo dalla parte del cittadino, sempre!

I commenti sono chiusi.