Cessione del quinto della pensione

Cessione del quinto della pensione

La cessione del quinto della pensione rappresenta una forma di finanziamento molto diffusa e piuttosto conveniente, che potrebbe essere in grado di soddisfare le tue esigenze di denaro.

Ma sai esattamente come funziona la cessione del quinto della pensione? E cosa differenzia la cessione del quinto della pensione INPS dai prodotti che puoi trovare nelle banche?

Cerchiamo di svelare tutto ciò che devi sapere per poter approfittare al meglio di questa forma di finanziamento, e come puoi richiederla!

Cos’è la cessione del quinto della pensione

Iniziamo con una breve premessa sulla cessione del quinto della pensione, al fine di permetterti di capire che cosa è questo prodotto e quali sono le sue caratteristiche più importanti.

Con questo nome ci riferiamo a una forma di prestito personale erogato dalle banche su convenzione INPS, che viene restituito con una trattenuta sul cedolino pensione del debitore, con una quota massima di un quinto della propria retribuzione netta.

Il finanziamento, oltre alla presenza dell’ente previdenziale come parte impegnata nel compiere la trattenuta all’origine, si caratterizza anche per altre specificità, come la durata massima fino a 10 anni di rimborso e fino a 90 anni di età anagrafica, e la previsione assicurativa obbligatoria.

Cessione del quinto pensione INPS: cosa cambia?

Ma cosa cambia con la cessione del quinto della pensione INPS?

Il prestito con cessione del quinto non solo può essere erogato dalle banche, quanto anche direttamente dall’INPS, che può effettuare dei piccoli prestiti a tutti i pensionati ex Inpdap, nella misura massima di quattro volte l’importo della pensione netta.

Si tratta di finanziamenti piuttosto conveniente sotto il profilo dell’onerosità (costi e tassi sono molto concorrenziali rispetto alla media che puoi trovare sul mercato), ma i cui tempi di erogazione sono generalmente maggiori rispetto a quelli che puoi trovare nelle principali banche.

Prestito con cessione del quinto della pensione in caso di morte

Ma cosa succede al prestito con cessione del quinto della pensione in caso di morte?

La risposta è abbastanza semplice, e ben deducibile da quanto sopra abbiamo avuto modo di premettere: tra le principali caratteristiche di questa forma di finanziamento c’è infatti anche la possibilità di poter godere di una polizza assicurativa che estingue automaticamente il debito in caso di morte del soggetto debitore / assicurato.

Cessione del quinto della pensione

Si tratta di una buona opzione per la propria serenità: stipulando un finanziamento con cessione del quinto pensione, in caso di eventi definitivi (morte o invalidità totale permanente) non si lasceranno debiti in eredità ai propri cari, considerato che la compagnia assicurativa estinguerà il debito direttamente nelle mani dell’istituto di credito erogante.

Prestito con cessione del quinto della pensione: i tempi per ottenerlo

Ma quanto tempo ci vuole per poter ottenere un prestito con cessione del quinto della pensione?

Abbiamo già ricordato, in tal proposito, che la strada più rapida è certamente quella di ricorrere alle banche, alle finanziarie come Findomestic e Agos Ducato, o ancora alle Poste italiane.

Qui, gli impiegati dell’istituto di credito ti forniranno i moduli utili per poter effettuare la richiesta, e per poter domandare all’ente previdenziale l’ottenimento della comunicazione di quota cedibile, un documento con il quale l’INPS comunicherà alla banca l’importo massimo che potrà trattenere ogni mese sul cedolino pensione.

Generalmente, i tempi per poter ottenere un prestito con cessione del quinto della pensione sono relativi a pochi giorni.

L’istruttoria è infatti piuttosto rapida, e tutto ciò che dovrà esser necessario controllare è l’esistenza di gravi pregiudizievoli, il possesso dei requisiti personali di riferimento e quelli sulla pensione (ad esempio, di norma non è possibile effettuare la cessione del quinto sulla pensione di invalidità): per questi ultimi, però, la comunicazione di quota cedibile è generalmente sufficiente per poter sbloccare la pratica.

Dopo pochi giorni, sarai richiamato dalla banca / finanziaria alla quale ti sei rivolto, al fine di provvedere alla firma del contratto di prestito con cessione quinto, e alla contestuale erogazione.

Conviene il prestito con cessione del quinto della pensione?

Ma è davvero conveniente ricorrere alla cessione del quinto della pensione, o ci sono altre forme di finanziamento più utili?

Contrariamente a quanto avveniva in passato, oggi il prestito con cessione del quinto della pensione non è una sorta di “ultima spiaggia” creditizia, da sfruttare solo nel caso in cui le altre forme di finanziamento non siano pienamente disponibili.

Oggi il prestito con cessione del quinto può invece essere una scelta prioritaria. E capire per quale motivo non è affatto difficile: è conveniente sotto il profilo economico (i tassi sono generalmente inferiori alla media dei prodotti di credito alle famiglie), è assicurato con una polizza contro i rischi più gravi, ti permette di accedere a piani di ammortamento anche fino a 10 anni, e può essere ottenuto anche dai pensionati fino a 90 anni, superando così i tradizionali limiti dei prestiti personali.

Se a ciò aggiungi il fatto che oramai i tempi di erogazione sono molto contenuti, grazie alla digitalizzazione di ogni processo (compresa la richiesta della comunicazione della quota cedibile), potresti intuire per quale motivo oggi giorno sempre più pensionati stanno domandando questa forma di finanziamento.

Se vuoi saperne di più, ti consigliamo di contattare direttamente una delle banche convenzionate con l’INPS, o lo stesso istituto previdenziale. Se poi vuoi parlarne con noi, prova a lasciare un commento o a scrivere alla nostra redazione!

I commenti sono chiusi.