Bonus 500 euro, tutte le info

Bonus 500 euro

Bonus 500 euro ai giovani: come richiederlo e come funziona. Info sui requisiti e le spese sostenibili con il bonus 500 euro 18 anni.

Bonus 500 euro diciottenni, cos’è

Con il pacchetto cultura e sicurezza della Legge di Stabilità 2016 è stato introdotto il cosiddetto bonus 500 euro per i diciottenni, un incentivo economico riservato ai cittadini che, durante il 2016, compiono 18 anni.
Scopriamo come funziona il bonus 500 euro e come richiederlo.

Bonus 500 euro: a chi spetta?

Requisiti bonus 500 euro

Il requisito fondamentale per ottenere il bonus cultura 18 anni (o bonus 500 euro) è quello di compiere 18 anni durante il 2016 ed essere cittadini italiani o comunitari.

Bonus 500 euro extracomunitari

Grazie ad un emendamento presentato dal Governo in commissione al Senato ddl, il bonus 500 euro è stato esteso anche ai giovani cittadini extracomunitari. In questo caso un requisito fondamentale è il permesso di soggiorno di lungo termine.

Bonus 500 euro diciottenni: quanto dura?

Il bonus 500 euro o bonus 18 anni verrà erogato in un’unica soluzione. Dunque non dovrebbe avere una data di scadenza, la durata sarà strettamente collegata ai tempi di “spesa” dell’incentivo, (il bonus si esaurisce quando termina il credito disponibile).

Bonus 500 euro: come funziona

Il bonus 500 euro non sarà versato attraverso liquidità ma sotto forma di voucher che potranno essere utilizzati per effettuare acquisti specifici, legati ad attività volte all’arricchimento culturale.

Bonus 500 euro: applicazione

Recentemente il sottosegretario alla presidenza dei Ministro Tommaso Nannicini ha dichiarato che il Governo sta lavorando ad un’applicazione per smartphone che permetterà di fare acquisti sfruttando il bonus 500 euro. Sarà una sorta di market-place ed in questo modo si eviteranno problemi legati a ciò che si può e ciò che non si può acquistare: tutti i beni ed i servizi accessibili tramite applicazione potranno esse acquistati sfruttando il bonus 500 euro. Proprio come per una sorta di “carta prepagata” l’applicazione “scalerà” quanto speso dal saldo del bonus che sarà aggiornato di acquisto in acquisto automaticamente.

Bonus 500 euro: rendicontazione

Considerando che l’incentivo sarà disponibile sotto forma di voucher spendibile utilizzando l’apposita applicazione del Governo, non dovrebbero esserci problemi per quanto riguarda la rendicontazione. Beni e servizi acquistabili sono già presenti sull’App che in automatico aggiornerà il saldo disponibile del bonus 500 euro.

Bonus 500 euro: come spenderli

L’intento del Governo è quello di privilegiare attività che si svolgono dal vivo, dunque via libera a:

• Biglietti per il museo.
• Parchi naturalistici.
• Siti archeologici.
• Rappresentazioni teatrali e cinematografiche.
• Gallerie d’arte.
• Eventi culturali.
Inoltre sarà possibile acquistare libri ed e-book.

Bonus 500 euro: cosa non si può acquistare

Il bonus 500 euro è un incentivo nato per stimolare i giovani, per spingerli a svolgere determinate attività culturali.
Tutto ciò che non rientra in quest’ambito non potrà essere acquistato. Per esempio non si potranno effettuare spese legate all’acquisto di:
– Capi d’abbigliamento.
– Computers.
– Smartphone e tablet.
– Musica online.
– Abbonamento a servizi di streaming online.
– Ricariche telefoniche.
– Riviste etc.

Considerando che beni e bonus 500 euro vi ricordiamo nuovamente che beni e servizi acquistabili tramite voucher saranno comunque presenti nell’“app-store” del Governo, dunque non ci si potrà sbagliare!

Bonus 500 euro docenti

Trai vari incentivi previsti in Italia, come non citare il bonus docenti 2016. IL bonus 500 euro docenti o è molto simile al bonus 500 euro 18 anni. A differenza dei giovani studenti però, gli insegnanti hanno potuto già beneficiare dei 500 euro, direttamente in busta paga.

Bonus 500 euro docenti: come spenderli

Se il fine del bonus 500 euro ai giovani è quello di stimolarli a svolgere attività culturali, l’obbiettivo del bonus 500 euro docenti è la formazione e l’aggiornamento professionale del personale docente.
Nel dettaglio è possibile utilizzare il bonus 500 euro docenti per:
• Acquisto di libri sia in formato cartaceo che digitale, comprese riviste e pubblicazioni;
• Acquisto di software e hardware;
• Iscrizione a corsi di laurea (magistrale, specialistica o a ciclo unico);
• Iscrizione a master universitari;
• Iscrizione a corsi svolti presso Enti accreditati dal MIUR;
• Ingresso a eventi culturali (come mostre, musei, spettacoli dal vivo, cinema e teatro);
• Ogni iniziativa coerente con l’offerta formativa prevista dalle Istituzioni scolastiche e dal Piano nazionale di formazione.

Come richiedere il bonus 500 euro

Sono mesi che ormai si discute del bonus 500 euro destinato ai giovani che durante il 2016 diventano maggiorenni. I soldi sono disponibili, non sono disponibili… ogni giorno sembra che qualcosa sia stato sbloccato eppure non vi sono ancora riscontri tangibili del bonus 500 euro. Dettagli sulle modalità di richiesta non sono stati ufficializzati, pare che l’unico requisito sia l’età e la cittadinanza italiana (o il permesso di soggiorno per i cittadini 18enni extracomunitari). La Redazione di Giacinto.org vi terrà aggiornati su eventuali novità a riguardo.

Bonus 500 euro docenti: come richiederlo e a chi spetta

Per ulteriori dettagli sui requisiti e le modalità di richiesta del bonus 500 euro docenti vi rimandiamo all’articolo di approfondimento Bonus docenti 2016.

 

Per quanto riguarda i bonus famiglia potrebbero interessarti anche gli articoli:
Bonus  giovani genitori 2016
Bonus giovani coppie 2016
Bonus bebè 2016

Se questo articolo sul Bonus 500 euro ti è stato utile puoi seguire i nostri aggiornamenti su agevolazioni e bonus, cliccando “mi piace” alla pagina facebook di Giacinto.org, siamo dalla parte del cittadino, sempre!

I commenti sono chiusi.