Assegni familiari, a chi spetta, tabelle 2013

assegni familiari

Gli assegni familiari sono una prestazione erogata dall’INPS per sostenere coloro con un reddito inferiore ai limiti stabiliti dalla legge. Gli assegni familiari e gli assegni per il nucleo familiare (ANF) vengono solitamente confusi in un unico calderone.

Differenza tra assegno nucleo familiare e assegno familiare
Benchè si tratti di due tipi di prestazioni INPS pressochè simili che si basano all’incirca sugli stessi presupposti, fra di loro ci sono notevoli differenze:
chi gode di determinati requisiti indicati dalla legge può ambire all’assegno per il nucleo familiare,
chi è escluso da quest’ultimo ma vanta altri requisiti, può richiedere l’assegno familiare.

Assegni familiari, a chi spetta
Per avere diritto al pagamento degli assegni familiari, le persone per le quali si richiedono devono essere a carico del richiedente e il nucleo familiare non deve superare determinati limiti di reddito stabiliti dalla normativa INPS.
Gli assegni familiari spettano:

  • ai coltivatori diretti, mezzadri e coloni, piccoli coltivatori diretti;
  • ai pensionati delle Gestioni Speciali per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri).

Tali categorie possono fare domanda per:

  • il coniuge, anche se legalmente separato (solo per i pensionati delle gestioni speciali);
  • i figli ed equiparati (legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell’altro coniuge, affidati a norma di legge, nipoti minori viventi a carico dell’ascendente);
  • i fratelli, le sorelle e i nipoti.

Per avere diritto all’assegno i figli, i fratelli, le sorelle e i nipoti devono essere minori di 18 anni o inabili al lavoro, o studenti. In tal caso l’assegno spetta fino a 21 anni per gli studenti medi (di scuola media) e fino a 26 anni (ma nei limiti degli anni di studio previsti per il corso di laurea scelto) per gli studenti universitari. Se invece il familiare è un apprendista, l’assegno spetta fino a 21 anni.
Per i coltivatori diretti, coloni e mezzadri gli assegni spettano solo per i figli ed equiparati e per fratelli, sorelle e nipoti conviventi.

Domanda assegni familiari Inps
La domanda per richiedere il contributo assegni familiari va presentata in qualunque sede Inps direttamente, o tramite mediazione di un Ente di Patronato riconosciuto dalla Legge, o, infine, per posta attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno. I coltivatori diretti, mezzadri, coloni e loro congiunti possono effettuare la domanda compilando l’apposito modulo da presentare alla sede Inps più vicina alla zona di residenza. I piccoli coltivatori diretti, invece, dovranno compilare un modulo diverso, precisamente il Prest./Agr. 21 TP.

A chi rivolgersi per tutte le informazioni relative agli assegni familiari, i moduli assegni familiari per richiederli e le tabelle con i limiti di reddito aggiornate?

  • Direttamente alla sede Inps più vicina, in alternativa si può consultare il sito web www.inps.it (dove potrete scaricare anche tutta la modulistica per l’autocertificazione)
  • Al sindacato di appartenenza
  • Ai vari Patronati (A.C.L.I, E.N.A.S, I.N.A.C, E.P.A.S.ecc.)

Assegni familiari, limite reddito personale
Si considera a carico, e cioè economicamente non autosufficiente, il familiare che abbia redditi personali di qualsiasi natura non superiori ad un importo mensile determinato di anno in anno.
Con la circolare numero 50 del 28 dicembre 2012 l’INPS ha stabilito i limiti di reddito che il lavoratore deve avere per poter ottenere questa prestazione che sono: 697,73 euro per il coniuge , per un genitore o per ogni figlio, 1221,03 euro per due genitori o equiparati.
Inoltre a partire da gennaio 2013 sono stati modificati sia i limiti di reddito che gli importi degli assegni, le somme erogate dall’ente previdenziale sono:

  • 8,18 euro al mese per i coltivatori diretti, ,coloni e mezzadri,
  • 10,21euro per pensionati delle gestioni speciali,lavoratori autonomi e piccoli coltivatori per il coniuge e i figli
  • 1,21 euro per i piccoli coltivatori diretti per i genitori o equiparati.

L’interessato che intende chiedere tale prestazione deve presentare la domanda, su un apposito modulo in distribuzione presso tutte le Sedi dell’Inps, unendovi i documenti indicati nel modulo stesso.
Gli assegni familiari vengono corrisposti direttamente dall’Inps.

Arretrati assegni familiari
Se l’INPS decide di accettare la domanda si potranno anche ottenere gli assegni familiari arretrati nel limite di 5 anni.
Come fare per ottenere gli assegni familiari arretrati? La richiesta per gli arretrati assegni familiari può essere fatta anche se il dipendente non ha più il posto di lavoro, purché abbia versato all’INPS quanto dovuto.
I documenti per richiedere all’INPS gli arretrati assegni familiari sono:

  • I documenti SR16 che si possono scaricare online dal sito dell’inps
  • I documenti che attestino i redditi della famiglia
  • I documenti che attestino i componenti della famiglia (stato di famiglia)
  • I documenti che riguardano la ragione sociale dell’azienda e la domanda per gli arretrati assegni familiari.

Una volta compilati tutti i moduli, dovete recarvi di persona all’INPS per fare la domanda.

I lavoratori o i pensionati che non posseggono questi requisiti possono fare domanda all’INPS per poter ottenere altre prestazioni a sostegno del reddito.

Tabelle assegni familiari
L’INPS con circolare n° 150/12, ha fornito le tabelle aggiornate da applicare, a decorre dal 1° Gennaio 2013, nei confronti dei soggetti esclusi dalla normativa relativa all’assegno al nucleo familiare e quindi solo nei confronti dei lavoratori autonomi, quali come già suddetto:

  • coltivatori diretti, coloni, mezzadri e piccoli coltivatori diretti
  • pensionati delle Gestioni speciali dei lavoratori autonomi, per i quali continuano ad applicarsi le disposizioni riguardanti le quote di maggiorazione di pensione

Per la visualizzazione delle tabelle assegni familiari 2013 cliccare su tabelle assegni familiari

Modulistica assegni familiari
Per poter richiedere gli assegni familiari vanno compilati entrambi i moduli sotto elencati:
Domanda di assegni familiari per Coltivatori diretti, Mezzadri e Coloni.
Dichiarazione dei redditi mensili del familiare a carico.
Modulo da compilare e sottoscrivere dal familiare a carico per il quale il richiedente ha richiesto l’assegno familiare e da allegare alla domanda di assegni familiari.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Assegno nucleo familiare 2013, a chi spetta, modulo, tabelle, importo e limiti di reddito | Giacinto ONLUS - 12/05

    [...] Gli assegni familiari sono una prestazione a sostegno delle famiglie di alcune categorie di lavoratori, con un reddito complessivo per intero nucleo familiare al di sotto dei  limiti stabiliti annualmente dalla legge  prodotto nell’anno solare precedente. Decorre dal I° luglio di ogni anno e ha valore fino al 30 giugno dell’anno successivo. In realtà la dicitura corretta è “assegni per i nuclei familiari”. Infatti, gli Anf sono diversi dai tradizionali assegni familiari, riservati ad alcune categorie di lavoratori (coloni e mezzadri, piccoli coltivatori diretti, titolari di pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi) Approfondimento| Assegni familiari, a chi spetta, modulistaica, tabelle e arretrati [...]

Lascia un commento

Devi aver effettuato il log in per commentare.