A Napoli una pizza 100,00€

Curiosa iniziativa nel capoluogo campano, dove è partito come un tamtam l’iniziativa di far pagare, in seguito alle recenti scoperte sui prezzi dei pasti serviti in parlamento, ad ogni parlamentare e deputato prezzi esorbitanti per cibo e bevante.  100 euro per una pizza, 90 per un caffé, ben 350 per un panino. I proventi poi andranno a opere di bene.

Prima vittima illustre il deputato Sergio D’Antoni, che con molta diplomazia e anche simpatia ha commentato:

 ”La pizza era buona – ha poi commentato – magari un po’ preziosa, ma buona, e non è vero che mi è rimasta sullo stomaco. Penso che campagne del genere vanno bene se servono ad alleggerire il clima in un momento così difficile, a patto che non alimentino la generalizzazione, cioè considerare tutti uguali, perché così si finisce per fare il gioco di Berlusconi. Comunque sono stato contento di pagare avendo saputo oltre tutto che i fondi vanno in beneficienza”

Il proprietario del locale ha fatto sapere che i primi 100€ guadagnati grazie a questa iniziativa, andranno ad un centro per il sostegno dei poveri e ha anche aggiunto che ora aspetta nel suo locale il ministro La Russa e che la sua tariffa sarà di 1.000€ spiegando anche la sua motivazione:

Se si presenta gli chiedo 1.000 euro per un pizza perché in piena crisi economica ha acquistato con il suo Ministero 19 Maserati

Le adesioni dei locali sono salite ad oltre 3000 esercizi commerciali che però, hanno fatto sapere, qualora i parlamentari si riducessero i benefit e gli stipendi, cesserebbe immediatamente. Staremo a vedere.

 

Trackbacks/Pingbacks

  1. Chef nega l'ingresso ai politi nel suo ristorante | - 30/05

    [...] ha ispirato un ristoratore di Fermignano, in provincia di Pesaro Urbino. Può interessarti | Per i parlamentari, a Napoli, la pizza costa 100 euro! Questo giovane chef  ha apposto all’esterno del locale un cartello che recitava, per [...]

Lascia un commento

Devi aver effettuato il log in per commentare.