10 mosse per aiutare a prendersi cura di una persona triste

persona-triste

Quando una persona alla quale tieni è triste in un certo senso anche tu ti senti giù di morale. L’impulso immediato è quello di agire per riuscire a rassicurarla ma non sempre si sa perfettamente cosa fare, come muoversi.

Bisogna stare molto attenti poiché talvolta la situazione può sfuggirti di mano (alias potresti fare più male che bene).
In questo articolo vi proponiamo 10 dritte per aiutare una persona triste a riacquistare un minimo di serenità.

10 mosse per aiutare una persona triste

1) Capite se vuole il vostro aiuto

Talvolta chi è triste vorrebbe viversi quel momento in solitudine senza altre persone intorno. Ognuno reagisce a proprio modo ed è giusto rispettare qualsiasi decisione.

2) Scegliete il momento giusto

Anche se avete percepito che il vostro aiuto è ben accetto, scegliete il momento giusto per agire. Intervenite nel momento in cui la persona appare più aperta, più predisposta a condividere il suo dolore con voi.

3) Fatele da spalla, lasciatela sfogare
La persona triste, soprattutto inizialmente, ha bisogno di sfogare i propri sentimenti. È dunque di fondamentale importanza lasciar esprimere pienamente le sue emozioni. Inutile cercare di placare lacrime (o eventuali ingiurie) immediatamente, il dolore va espresso

4) Ascoltate con attenzione

Uno dei problemi della gente che vuole prendersi cura di una persona triste è che non conosce a fondo la causa di tale tristezza. Perché? Perché non ascolta. Le cause dell’angoscia di una persona non vengono mai esposte in maniera completa, se ci aggiungiamo anche disattenzione o poca predisposizione all’ascolto beh allora state assumendo un atteggiamento egoista e per niente generoso.

5) Siate empatici
Ascoltare senza comprendere non serve a molto. Per riuscire a capire lo stato d’animo della persona che volete aiutare dovete essere empatici ovvero riuscire letteralmente a “mettervi nei suoi panni”. Se non sapete come fare potete leggere l’articolo di Giacinto.org L’ empatia, l’arte di comprendere le emozioni ricco di suggerimenti per imparare ad essere empatici.

6) Evitate di invadere gli spazi altrui
Il vostro ruolo è quello di consolatore, non dovete prendere decisioni al posto della persona triste. Ognuno fa le sue scelte, le sue valutazioni; voi potete solo, ove necessario, dare dei consigli per aiutarla a stare meglio, farle sentire il vostro affetto.

7) Non banalizzate
Banalizzare lo stato d’animo di una persona giù di morale è irrispettoso e controproducente. In questo modo la spingerete a chiudersi a riccio, ad allontanarsi.

8) Siate ironici
Cercare con l’ironia, di sdrammatizzare una situazione difficoltosa può essere davvero un’ottima mossa se fatto in un certo modo. Cercate di evitare di far apparire ridicola la loro situazione, sfruttate magari episodi esterni alla persona, che però possono farla sorridere. Quando sorridete il cervello produce endorfine che danno un effetto rilassante, rasserenante. A riguardo leggete anche I benefici della risata.

9) Distraetela con ciò che ama

Organizzate una serata o un’attività che sapete piace alla persona triste. Per esempio potreste presentarvi a casa sua con il suo dolce preferito o portarla in un luogo che sapete per certo apprezzerà.

10) Ricordatele che ci siete

Sembra banale ma quando si è tristi basta davvero una parola carina per migliorare la giornata! Ricordate alla persona triste che la amate, dimostratele il vostro affetto, come?  Dite che le volete bene e che per lei, ci sarete sempre!

Se questo articolo ti è piaciuto puoi seguire i nostri aggiornamenti, cliccando “mi piace” alla pagina facebook di Giacinto.org, impara ad amare te stesso e chi ti circonda!

I commenti sono chiusi.